Mutuo soccorso e sanità integrativa…. PARLIAMONE!

By | 26 Aprile 2016

tumblr_n6r870js9q1rluns4o1_1280Oggi parlo di un argomento nuovo – sanità integrativa.

Nuovo per questo blog perché non me ne sono mai occupato. Da un po’ di mesi però, nell’ottica di poter offrire agli imprenditori e alle loro famiglie una consulenza completa e di qualità, ho scoperto un mondo che non conoscevo: le società di Mutuo Soccorso.

Io pensavo fossero organizzazioni antiche, ormai scomparse nella notte dei tempi.

In effetti la loro nascita risale alla prima parte del 1800 per rispondere alla necessità di forme di tutela sanitaria nel mondo del lavoro.

Il loro funzionamento venne regolato con la legge del 15 aprile 1886, legge tuttora in vigore.

Nei primissimi anni del 1900 continuarono a espandersi e arrivarono a contare un milione di soci.

Nel secondo dopoguerra la copertura sanitaria dei lavoratori fu affidata ad Enti Mutualistici Nazionali obbligatori e di categoria, molto lontani dal concetto fondamentale di volontarietà espresso dalle società di Mutuo Soccorso.

Nel 1978 con la legge n. 883 venne istituito il Servizio Sanitario Nazionale che estese a tutti i cittadini il diritto di fruire delle prestazioni assistenziali sanitarie.

Gli Enti Mutualistici Nazionali furono soppressi.

La mutualità su base volontaria non fu toccata dal provvedimento.

Nel 1992 col Decreto legislativo 502, furono introdotti i fondi sanitari integrati finalizzati all’erogazione delle prestazioni aggiuntive rispetto al Servizio Sanitario Nazionale

Nel 1998 il governo vara una legge che incentiva i cittadini, dal punto di vista fiscale, ad aderire alla Sanità Integrativa, dichiarando quindi ormai l’impossibilità da parte dello Stato di far fronte a tutti i bisogni crescenti in questo specifico campo.

Oggi infatti la sanità pubblica, per un insieme di fattori, non riesce più a dare, come in passato, tutto a tutti.

Infatti, la contrazione notevole di risorse finanziarie ed economiche, porta profili di criticità insostenibile nell’erogazione delle prestazioni sanitarie.

Inoltre l’invecchiamento della popolazione nazionale e il costante aumento della vita media, genera un crescente fabbisogno di prestazioni sanitarie.

In più, il costante aumento dei flussi migratori fa crescere a dismisura il numero delle persone bisognose di cure.

Per non parlare delle enormi differenze di spesa e gli enormi sprechi tra diverse Regioni, ma qui si entra in un contesto politico- sociologico in cui è meglio non proseguire.

Ecco quindi la necessità di correre ai ripari. E’ appena di pochi mesi fa il cosiddetto “decreto appropriatezza”  che taglia praticamente del tutto la possibilità da parte dei medici di prescrivere oltre 200 prestazioni, pena il rischio di incorrere in pesanti sanzioni. Sanità Integrativa

Succede quindi che un’ ecografia ad un malato di tumore venga rimbalzata per giorni dal medico di famiglia, all’ospedale che ha scoperto il tumore, all’oncologo che lo dovrebbe curare, per poi tornare da medico di famiglia che, siccome siamo vicini al Natale rinvia a “dopo le ferie”….. tutto questo è successo veramente nel dicembre scorso nella bella e civilissima Treviso.

Forte resistenza quindi da parte del personale Sanitario nel prescrivere analisi anche strumentali come TAC, risonanza magnetica, elettrocardiogramma o anche delle semplici analisi del sangue.

SOLUZIONE? Arrangiarsi !!

Chi,in questi anni, non si è mai arrabbiato con il Servizio Sanitario Nazionale?

Chi non è mai stato toccato, di persona o molto da vicino, da un evento che riguarda la salute?

Ormai per chi ha a cuore la propria salute e quella dei propri famigliari, la situazione richiede un impegno personale perché sulla Sanità Pubblica si potrà contare sempre meno. Sanità Integrativa

Ecco quindi che tornano alla ribalta in questi ultimi mesi le Società di Mutuo Soccorso con l’obbiettivo di integrare quello che ormai lo Stato non è più in grado di garantire…. E proprio per i motivi espressi in precedenza, lo sarà sempre meno.

Da buoni Italiani fatalisti siamo abituati a pensare che le brutte cose succederanno sempre “agli altri”.

Non dimentichiamoci mai che per quasi tutti, “gli altri” siamo noi.

 

Buona Vita

Gianmario.

 

 

One thought on “Mutuo soccorso e sanità integrativa…. PARLIAMONE!

  1. Pingback: COME NON PERDERE I TUOI COLLABORATORI MIGLIORI,

Lascia un commento