Anatocismo…. Viene Ancora Applicato Dalle Banche?

By | 11 Marzo 2015

anatocismoAnatocismo, strana parola per definire una pratica da sempre diffusa e illecita: significa l’applicazione di interessi su interessi.

Anatocismo deriva dal greco “anà” – di nuovo e “tokos” – interesse.

Si tratta infatti del fenomeno (vietato dall’art.1283 codice civile) per cui gli interessi passivi maturati vengono addebitati sul conto corrente e sono a loro volta produttivi di altri interessi passivi.

La regola generale, che vale per ogni tipo di rapporto non solo bancario, è infatti quella per cui gli interessi passivi devono maturare sul capitale preso a prestito, non anche sugli interessi che nel tempo sono già maturati.

Prima del 2000 le banche conteggiavano gli interessi passivi (sfavorevoli al cliente) trimestralmente applicando sempre e da sempre questa “consuetudine” di calcolo dell’interesse composto, mentre la liquidazione di quelli attivi (favorevoli al cliente) veniva annualmente….. Che caso!

Ma dal 2000 una Circolare del CICR (Comitato Internazionale per il Credito e il Risparmio) ha imposto la liquidazione di tutti gli interessi con lo stesso criterio: vuol dire, cioè, che sia quelli attivi che quelli passivi vanno conteggiati con la stessa periodicità.

Proviamo a indovinare quale periodicità è stata scelta?!    Esatto: quella TRIMESTRALE!

Perché?!      OVVIO!       L’interesse attivo per il cliente, quando c’è, è dello 0,0000……%, quello passivo invece è del 6 – 7 – 8 …. anche 11 – 12 –  …%. Ne ho visti anche più alti.

Scarica GRATIS il MANUALE DI AUTODIFESA DEL CLIENTE BANCARIO !

Le banche scrissero a tutti i clienti sugli estratti conto del luglio 2000, che ai sensi del Decreto 342/99 la banca avrebbe applicato la trimestralizzazione sia sugli interessi passivi che su quelli attivi così pensando di mettersi a posto.

Esiste quindi la proporzionalità voluta dalla famosa circolare? Solo sulla carta!

Infatti perché la pari temporaneità tra interessi attivi e passivi sia valida ci deve essere un accordo scritto tra correntista e banca. Il volere del correntista deve apparire in modo certo e analitico.

Esiste quindi ancora l’Anatocismo sui conti correnti?

Argomento molto dibattuto.

Ti faccio questa semplice domanda: se l’Anatocismo non esistesse più, come affermano molti, perchè il Governo alcuni mesi fa ha inserito in un Decreto Legge (e quindi in urgenza) un paragrafo per cui il famigerato Anatocismo diventava una pratica legale? Oltretutto dopo una Legge del Governo Letta che invece ribadiva la sua illegalità? ….

…. ai prossimi articoli l’ardua sentenza ….

 

Buona Vita!

Scarica GRATIS il MANUALE DI AUTODIFESA DEL CLIENTE BANCARIO !

 

Lascia un commento